Il Cloro – benefici (?) e possibili interferenze

Non avevo approfondito l’argomento cloro, sfiorato solo in un precedente topic.

Vi segnalo questo articolo, molto interessante e inquietante:

Fonte – CriticaMente 

 

Acqua e Cloro. Il trattamento dell’acqua potabile

Sostanze organiche naturali quali frutta, verdura, prodotti di soia, possono formare pericolosi composti cancerogeni quando si combinano con l’acqua trattata con cloro. Si è scoperto che alcuni nutrienti naturali fra i più preziosi e indispensabili con caratteristiche anti-cancro comunemente contenuti nella frutta e nei vegetali in genere, formano sostanze cancerogene, quando consumati in combinazione con clorurati dell’acqua potabile. Questa scoperta comprende cibi di uso comune tra cui alimenti di soia, frutta, ortaggi, tè, molti integratori alimentari, e alcuni farmaci.

Recentemente è stato intrapreso uno studio congiunto in Giappone da ricercatori presso l’Istituto Nazionale della Salute e delle Scienze e l’Università Shizuoka. Hanno stabilito che le sostanze organiche naturali reagiscono quando esposte ai clorurati dell’acqua potabile, formando pericolosi composti cancerogeni chiamati “MX”, che sta per “Mutageno Sconosciuto” (X, il simbolo per l’incognita delle espressioni ed equazioni che facevamo a scuola). Sono simili ai già ben noti e più facilmente individuati composti cancerogeni THM (trialometani). Precedenti studi fatti da scienziati in Finlandia nel 1997 hanno stabilito che l’MX è 170 volte più pericoloso di altri noti sottoprodotti tossici della clorazione, ed è stato dimostrato in studi di laboratorio che danneggia la tiroide e provoca tumori cancerosi.

Non c’è niente di sbagliato con le sostanze organiche in sé. E’ il cloro che è responsabile, trasformandole nel micidiale cocktail cancerogeno di THM e MX. Le sostanze organiche si sono dimostrate estremamente benefiche in combinazione con pura acqua potabile, non clorata.

E’ certo che gli alimenti vegetali che mangiamo reagiscono anche con l’acqua “potabile” che beviamo durante i pasti, creando tossine. Significa che frutta e verdura fresche, insalate, tè e tisane caffè, prodotti di soia, vitamine e vari integratori, l’acqua per cuocere la pasta e anche quasi tutti i farmaci formano composti con i clorurati dell’acqua di rubinetto. Questi pericolosi agenti cancerogeni che vengono prodotti sono estremamente tossici in quantità infinitesimale così piccola e insospettata che vengono difficilmente individuati. Ed è sufficiente molto poco cloro per dare inizio alla reazione.

Perché dunque si continua a mettere il cloro nell’acqua?

Molti anni fa sono state emanate leggi per rendere obbligatoria l’introduzione del cloro nell’acqua potabile. Questo in onore della Teoria dei Germi di Pasteur, secondo la quale la maggior parte dei microrganismi sono agenti patogeni, e il cloro li uccide, e questo viene chiamato disinfezione. A parte il business del cloro, immagina quanti miliardi di tonnellate ne sono state messe nel corso degli anni, c’è anche la totale ignoranza dei politici su questo soggetto, che prendono per oro colato quello che viene loro detto dagli organismi sanitari, non sempre sono in malafede, sebbene possano essere soggetti a pressioni e corteggiamenti per aumentare la quantità di cloro nell’acqua potabile.

L’industria del cloro e gli enti governativi devono far continuare le regolamentazioni esistenti in materia, perché, se venissero improvvisamente apportate drastiche modifiche e accettate le evidenze, le responsabilità legali sarebbero sconcertanti. Al confronto, questa situazione farebbe apparire gli scandali dell’industria del tabacco insignificanti. Educare le persone sulla pericolosità del cloro sarebbe l’ammissione di essere a conoscenza del problema, e questo potrebbe invalidare tutti gli studi precedenti in materia e certamente aprirebbe la porta a gravi problemi legali e a richieste di risarcimenti di danni multimiliardari con le class action.

L’uso del cloro è stato di successo nell’eliminare i rischi di patologie come la febbre tifoide, il colera e la dissenteria pensando che microrganismi presenti nell’acqua e nel corpo ne fossero la causa. In realtà a tali malattie possono essere soggette solo persone con un corpo internamente pieno di ogni genere di residui indigesti e putrefatti sui quali tali presunti “agenti patogeni” proliferano, e quando sono in sovrappopolazione producono tali sintomi. Uccisi dal cloro tali sintomi scompaiono e quindi si è creduto che ne fossero la causa diretta.

In realtà sono la causa indiretta, perché in un corpo pulito internamente coesistono come simbionti contribuendo ai vari processi biochimici del nostro organismo. La causa diretta sono le sozzure che la maggior parte degli esseri umani onnivori perennemente immagazzinano nel proprio corpo. Inoltre ci sono microrganismi che sopravvivono al cloro, di per sé sono innocui per l’organismo, ma non lo sono i composti derivanti dalla loro azione di conversione del cloro.

In attesa che quella parte dell’umanità soggetta alla disinformazione, che al momento risulta essere la maggior parte, raggiunga un livello più elevato di consapevolezza, si potrebbe ricorrere all’ozonizzazione e a molte altre soluzioni alternative.

Il cloro un giorno verrà reso noto, insieme all’alimentazione non adeguata, come una delle principali cause del cancro e delle malattie degenerative. Si “scoprirà” inoltre che il cloro è responsabile dei danni al sistema immunitario e ormonale perché converte i fitoestrogeni (estrogeni vegetali che assumiamo mangiando frutta e verdura) e altre sostanze biochimiche vegetali che supportano tale sistema. Un sistema immunitario sano, (la scienza non ha ancora capito che l’immunità è il risultato di una serie di attività dei microrganismi che si ostina a far fuori ad ogni occasione), è la prima e migliore linea di difesa contro le malattie. Il cloro inoltre distrugge gli enzimi e questo rende ancor più difficile la digestione, se bevi quell’acqua durante i pasti.

Che cosa si può fare?

Eliminare il cloro, dove possibile. (E’ difficile immaginare dove non possa essere eliminato). Non bere l’acqua così come esce dal rubinetto. Il modo migliore per eliminarlo è quello di applicare un filtro ad osmosi inversa o a carboni attivi. Non fare il bagno o la doccia con l’acqua clorata se ne hai la possibilità. Il cloro è una delle cause di pelle secca, anche se dei bagnoschiuma contenenti oli possono farla apparire idratata. La pelle è un mondo molto popolato, miliardi di microrganismi vivono su di essa in simbiosi mantenendo la giusta umidità. Il cloro stermina quella popolazione ogni volta che fai la doccia. Dopo una giornata in piscina, dove il cloro spesso abbonda, mentre ritorni a casa a volte puoi anche notare che la vista è un po’ alterata e se alla sera guardi lampioni vedrai spesso degli aloni. Alcune famiglie hanno un grosso depuratore installato a monte della linea di entrata che porta l’acquain casa e questa finora è la soluzione più intelligente, ma costa, ma sarebbe da considerare una spesa prioritaria, anche se è difficile realizzarlo, perchè il luogo comune “la nostra acqua è buona” è sempre in agguato. Il vero colpevole è il cloro, non le sostanze con le quali reagisce. Il cloro è ovunque … Il tè che ordini al bar è stato fatto “probabilmente” con acqua del rubinetto, l’insalata è stata lavata con l’acqua del rubinetto, i campi vengono bagnati con l’acqua che contiene il cloro, le acque di scarico contengono cloro, e così via. Molte persone che leggono per la prima volta questo articolo sui pericoli del cloro saranno inorridite e sconvolte pensando che nella loro acqua scorre questa sostanza tossica. Ma è la verità e conoscerla ti sarà più utile che non esserne consapevole.
 

5 pensieri su “Il Cloro – benefici (?) e possibili interferenze

  1. Addio piscina allora?
    E tutti i prodotti per sterilizzare a freddo poppatoi e tettarelle dei poppanti? li c’e’ cloro in quantità industriale.
    e al ristorante? che si fa chiediamo la frutta e la verdura, possibilmente non lavata grazie.
    Siamo circondati dal cloro….

  2. Infatti a me hanno sconsigliato di andare in piscina…
    Per quanto riguarda i prodotti per sterilizzare gli attrezzi dei poppanti non ne parliamo.
    I ristoranti dovrebbero avere chi più chi meno dei depuratori… speriamo!

    Niente ferie?

  3. In america il cloro nell’acqua e’ proibito da piu’ di venti anni…. chissa’  perche’.
    Leggete  il  sito  di greenpeace.
    L’unico depuratore che depura il cloro e tutto  il  resto  e’ l’osmosi inversa e o carboni attivi,  gli erogatori non servono  di  fatto  e’ proibito chiamarli depuratori ma solo erogatori,  cioe’ che semplicemente erogano l’ acqua . 
    Ricordate che l’esame piu’ importante  da fare all’acqua oltre a quello del  cloro  e’ la conducibilita’ elettrica  cioe’ i  metalli  presenti  nell’acqua.
    Stranamente, persino negli acquari  si usa x la salute dei pesci, magari  quelli  piu’ costosi gli impianti di depurazione a osmosi,  perche’  per  noi  umani no ?
    Io ce l’ho da 10 anni. 
    Se volete  fare un  esperimento semplice, andate in giardino  prendete  due  boccioli  di  rosa  simili e  metteteli in  due  bottiglie  uguali,  dove  su  una  ci sia l’acqua del  rubinetto  e  nell’altra acqua depurata con l’osmosi e  vedrete che la prima con il cloro vivra’ circa 10/12 giorni l’altra  20/25 giorni e che il  primo bocciolo  morira’ seccandosi piegandosi e attorciliandosi malamente, mentre la seconda si secchera’ matenendo tutta la  sua  bellezza.

  4. ci sono  tanti  disinfettanti  in  commercio,  io  vi  consiglio l’allume  di  potassio e’ naturale,  si  trova in  erboristeria o farmacia  ottimo  per  le  ascelle per  qualsiasi parte del corpo, contro  le  punture d’insetti.E’ un cristallo grande come un bel sasso, si puo’ usare cosi’ strofinandolo per esempio sulle ascelle al posto dei deodoranti che…,oppure rompendolo con in martello e mettendolo in una bottiglia di vetro e usando l’acqua dopo un paio di giorni e’ favoloso,  la  natura ci a tutto ragazzi.

Lascia un Commento