La FDA si pronuncia di nuovo sui saponi antibatterici

Tutto ciò che usi su base giornaliera può avere effetti sulla salute, sia nel bene che nel male…

Questo ovviamente comprende lozioni, shampoo, ma anche i saponi che probabilmente usi almeno una dozzina di volte durante il giorno.

Innumerevoli  agenzie per la salute e altrettante pubblicazioni hanno segnalato il rischio dell’utilizzare saponi antibatterici, sin dal 1978;

quanto segue è la traduzione di un articolo del sito TheAlternativeDaily.com

 

 

“I saponi antibatterici sono inefficaci e possono provocare malattie”, dice la FDA

 

 

Notizia FDA: “non c’è al momento evidenza che i saponi antibatterici siano effettivamente più efficaci nella prevenzione delle malattie dei normali lavaggi con sapone e acqua

 

I saponi antibatterici spazzano via dalle vostre mani i germi, giusto? Basta una piccola dose e siete liberi dai germi… questo è ovviamente quello che ci dicono i produttori di questi saponi.

Secondo la FDA, i saponi antibatterici fanno un sacco di fumo ma producono poco arrosto. L’agenzia federale che monitora la sicurezza di cibo e medicinali nel nostro stato ha evidenziato che non esiste nessuna evidenza dell’efficacia dei saponi antibatterici nel fermare la trasmissione dei germi rispetto a quelli antibatteri (i quali non fanno pubblicità sulla lotta a germi e batteri) Questa nota della FDA analizza sia la sicurezza che l’efficacia degli ingredienti attivi contenuti nei saponi antibatterici.

 

Danni del Triclosan

 

Gli studi hanno rivelato  i rischi di questo componente negli anni.

Nel 2005, le ricerche hanno rilevato che il triclosan reagisce con l’acqua clorata e produce cloroformio, riconosciuto come agente cancerogeno.

Già nel 1978, la FDA pubblicò una nota nella quale si diceva che il triclosan “non è riconosciuto come sicuro ed efficace”

E ancora oggi questo ingrediente è inserito in una larga gamma di prodotti, principalmente nei saponi ma anche in prodotti che vanno da dentifrici e cosmetici fino agli utensili da cucina, abbigliamento e addirittura giocattoli. (Ndt: molte cucine hanno dei piani di lavoro antibatterici, trattati con triclosan o prodotti similari. )

Questi sono solo alcuni dei danni che il triclosan provoca:

 

–         deterioramento delle funzioni muscolari

–         contributo a danni e malattie cardiache

–         alterazione dei livelli degli ormoni tiroidei e riproduttivi (es:testosterone, estrogeni)

–         aumento del rischio di infertilità

–         pubertà precoce

 

Anche la American Medical Association li ha bocciati:“evidenza indiscussa che nulla lavora più efficacemente del lavaggio delle mani con acqua e normale sapone, senza l’utilizzo di inutili e tossici componenti chimici antibatterici”

 

Più di recente, quest’anno:

Dopo quattro decadi dal primo utilizzo del triclosan, la FDA è giunta alla conclusione che i saponi antibatterici (specificatamente quelli con il triclosan), sono più dannosi che utili.

I ricercatori governativi hanno pianificato di produrre una documentazione per descrivere i prodotti chimici che sono utilizzati per la pulizia della casa e la cura delle persone.

Pare sia una delle massime priorità per la FDA, ma il fatto che ci sia voluto tutto questo tempo per produrre documentazione per elementi così potenzialmente dannosi è una notizia da non sottovalutare.

 

 

 

 

L’articolo completo lo trovate qui: http://www.thealternativedaily.com/antibacterial-soaps-dont-work-may-cause-harm-says-fda/

 

 

BioSiPuò aveva già parlato dei danni del triclosan analizzati in Inghilterra, dove ogni anno a causa del suo utilizzo negli ospedali avvengono numerosi decessi.

Qui trovate l’articolo del 2008: http://biosipuo.myblog.it/2008/05/26/triclosan-nei-dentifrici/saponi

Quello che ci sentiamo di consigliare è di evitare la guerra senza quartiere contro germi e batteri, ma ricorrere ad una pulizia quanto più naturale possibile.

Di troppa pulizia ci si ammala, e le prove a quanto pare sono tra noi da oltre quarant’anni.

La FDA si pronuncia di nuovo sui saponi antibattericiultima modifica: 2014-01-23T13:30:46+00:00da bibendum3
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento